DN Journal | Content Marketing

Come scrivere email che convertono?

Redazione DN

16 gennaio 2024
Condividi
Email convertono

Uno strumento dall’enorme potenziale, che contribuisce notevolmente alla crescita del tuo business. Parliamo di email marketing e delle regole per scrivere email efficaci.

Come vanno le tue campagne di email marketing?

Non conosciamo la risposta, ma probabilmente starai pensando che potrebbero andare decisamente meglio.

Se invece sei all’inizio della tua esperienza nel digital marketing è utile premettere, molto brevemente, di cosa si tratta.

Molto semplicemente, per quanto la materia sia articolata e complessa, all’interno di una digital strategy l’email marketing è quell’attività volta a iniziare o mantenere una comunicazione con i propri clienti (o potenziali tali) per inviare aggiornamenti, sconti, promozioni, contest, anteprime e tutte quelle informazioni rilevanti per la tua azienda che potrebbe interessare a chi riceve quella email.

Ecco, abbiamo già da subito toccato un elemento centrale: l’interesse degli utenti.

Ci torneremo tra poco. Quello che è importante chiarire fin da subito sono 2 aspetti:

  • Scrivere email convincenti è indispensabile;

  • Non esiste una formula magica per riuscirci.

Questo significa che dobbiamo capire quali sono gli aspetti che rendono una mail interessante, in grado di catturare l’attenzione dell’utente e convincerlo ad aprirla, leggerne il contenuto e svolgere l’azione desiderata (la call to action).

Questo è un po’ l’iter che centinaia e migliaia di email fanno, o dovrebbero fare, ogni giorno.

Quando apriamo il nostro client di posta elettronica da mobile o da desktop ogni giorno riceviamo diverse email.

Dagli sconti di quel sito di viaggi, al quale ci siamo iscritti anni fa per organizzare una vacanza, alle promozioni della catena di fast food a cui la scorsa settimana abbiamo lasciato la nostra email per prendere un menù alla metà del prezzo, passando per email che ci propongono novità e soluzioni a vari problemi.

In questa vastità di mail che affollano la nostra casella di posta, e che il più delle volte vengono cestinate o ignorate, catturare l’attenzione è veramente difficile.

Ecco perché c’è da rimboccarsi le maniche e capire cosa possiamo fare per migliorare la scrittura delle email e renderle utili per gli utenti, portando chi le riceve a svolgere l’azione che desideriamo.

Segmenta e identifica il pubblico corretto

A prescindere dal settore in cui operiamo, il punto di partenza è sempre quello: conoscere il nostro interlocutore.

Se ci rechiamo in un Paese straniero, non possiamo pretendere che le persone a cui ci rivolgiamo comprendano la nostra lingua.

Così quando scriviamo un’email dobbiamo sapere chi abbiamo “di fronte” per capire come rivolgerci a lui o lei.

Sia in termini di linguaggio che di tono di voce, ma anche di frequenza di email da inviare e tipo di contenuto da proporre.

La prima domanda da porci è questa: siamo sicuri che l’insuccesso delle nostre campagne di email marketing sia da imputare alla superficialità degli utenti che non leggono le email e non, invece, alla nostra scarsa capacità di comunicare?

Ci rivolgiamo a una massa indistinta di persone ciascuna delle quali con preferenze ed esigenze diverse. Conoscerle per sfruttarle a nostro vantaggio, ecco quello che dobbiamo fare.

Possiamo riuscirci soltanto analizzando il target di riferimento, creando dei piccoli gruppi che condividono interessi e caratteristiche e sfruttarli per invii che si rivolgono alle loro specifiche esigenze.

Scrivi un oggetto accattivante

Tutte le email che riceviamo sono state scritte con l’intento di risultare accattivanti, ma non tutte ci riescono.

Perché?

Sicuramente perché troppo spesso si ignora il destinatario del messaggio e, quindi, si mandano email generiche, ma anche perché spesso si commettono alcuni errori strategici.

L’oggetto dell’email è la prima (e a volte l’unica) porzione di testo che viene letta e, quindi, la parte su cui puntare di più per riuscire a catturare l’attenzione di chi la riceve.

Inoltre, grazie agli strumenti di marketing automation è possibile adottare alcuni accorgimenti che si rivelano utili al nostro scopo di scrivere email che convertano.

Il primo riguarda la personalizzazione, utilizzando i campi dinamici per inserire il nome dell’utente che, quindi, riceverà una mail non generica ma espressamente rivolta a lui.

È un po’ come se in mezzo a una strada sentissimo qualcuno urlare “Ehi tu” o, invece, essere chiamati con il nome proprio. Nel primo caso è maggiore il rischio che quel richiamo venga ignorato.

A proposito di personalizzazione, si può valutare l’utilizzo delle emoji (ma attenzione a non esagerare) e di un linguaggio poco formale e che susciti stupore o curiosità.

Molti termini sono ormai abusati (incredibile, pazzesco, offerta da urlo, eccetera) e, anche se riescono a colpire l’attenzione, non è detto che portino l’utente ad aprire l’email.

A proposito di linguaggio, meglio essere creativi e stimolare la curiosità; anche nell'email di vendita e con obiettivo puramente commerciale, perché non provare a puntare su un bisogno che con quella email vogliamo andiamo a risolvere?

Sono tutti spunti sui quali lavorare per migliorare le potenzialità delle tue email.

Sfrutta il contenuto

Email che convertono

Passiamo al contenuto, la parte più consistente della mail.

Se un utente ha aperto l’email è perché si aspetta un contenuto ad effetto wow, almeno che gli risulti utile e conveniente.

Sicuramente è importante essere brevi e sintetici; se per l’oggetto è bene assestarsi intorno ai 50 caratteri, per il contenuto dell’email non ci sono limiti, ma meglio non esagerare.

Poche righe sono sufficienti per dire l’essenziale e il consiglio è quello di concentrare le informazioni e i benefit per l’utente all’inizio; il resto, se importante, meglio metterlo dopo e riservare a chi ha la pazienza e l’interesse di leggerlo.

È però fondamentale che chi legge quella email comprenda subito di cosa parla e se risponde a ciò che gli serve; se non lo capisce elimina l’email o chiude la pagina.

Alcuni consigli per migliorare il contenuto:

Sfruttare i numeri (quantità, percentuali, posizioni) per comunicare in maniera più convincente e interessante;

  • Scrivere con un linguaggio semplice e diretto, mai aggressivo;

  • Non esagerare nei toni (o enfatizzando le promesse) e nell’uso della punteggiatura (come punti esclamativi e interrogativi);

  • Non scrivere in maiuscolo.

Utilizza immagini e video

La comunicazione testuale è molto, ma non tutto e supportare con delle immagini e dei video può rivelarsi decisivo per mantenere alto l’interesse degli utenti e aumentare le possibilità di conversione.

Le immagini e i video non devono essere esclusivamente inerenti al prodotto o al servizio che si vende, ma anche utili a informare per creare un bisogno o per far capire l’importanza di acquistare quell’articolo.

Infografiche, foto di dettagli, interviste, eccetera sono tutti contributi che, se ben pensati e inseriti, possono rendere un’email veramente efficace.

Attenzione però a non “appensantire” troppo la mail, altrimenti ci potrebbero essere problemi di invio e ricezione con alcuni client di posta.

Dai la giusta importanza alle CTA

Il fine di ogni email: la conversione.

Questa la si ottiene invitando l’utente a compiere l’azione (fare un acquisto, sottoscrivere un abbonamento, eccetera) richiesta, ovvero sfruttando le note call to action (CTA).

Non basta dire “premi qui” o “acquista ora”, ma è necessario utilizzare un linguaggio chiaro e diretto, ma anche positivo e stimolante.

Oltre al testo, è importante porre l’attenzione sulla collocazione della CTA, la sua veste grafica e le sue dimensioni; tutto concorre a rendere l’email potenzialmente efficace.

Monitora i dati

Che fine fa tutto il lavoro che abbiamo fin qui svolto?

Ci limitiamo a una valutazione “ha convertito” o “non ha convertito”.

Se è vero che la conversione è il fine di tutto è altrettanto vero che i motivi per cui essa non è avvenuta (ma anche perché lo è) sono paradossalmente più interessanti della singola conversione in sé.

Tutta questa mole di dati, infatti, ci permette di fare 2 cose.

Innanzitutto correggere gli errori e migliorare producendo email sempre più efficaci.

Ma, soprattutto, ci aiuta a conoscere di più il nostro pubblico in un processo continuo di perfezionamento e miglioramento dell’esperienza che le persone hanno del proprio brand.

Ottimizza, goditi il risultato e ripeti

Ecco perché il lavoro da fare nell’email marketing non si esaurisce mai ed è un continuo processo di ideazione, produzione e monitoraggio da condurre con grande attenzione e avvalendosi degli strumenti più efficaci e, anche, di un team qualificato di esperti.

I numeri, infatti, dicono tanto, ma non tutto, perché bisogna saperli leggere e anzi troppo spesso si corre il rischio di fare confusione e non riuscire a centrare l’obiettivo.

Se sei interessato ad implementare una strategia di email marketing efficace che porti risultati reali al tuo business, contattaci e parleremo insieme del percorso migliore da intraprendere.

Pittogramma DN By Redazione DN

Condividi

Non perderti i nostri aggiornamenti!

Iscriviti alla newsletter per ricevere i migliori contenuti e le novità più importanti.

* Campi obbligatori

Per favore, ricontrolla i campi
Grazie per la tua iscrizione!
Contattaci Contattaci